Fede e azione

Per le Comunità Via Pacis in America Latina, il vissuto della pandemia si è rivelato una grande opportunità di mettere alla prova la fede, di purificarla e rinforzarla, di testimoniare alla luce del carisma, in ogni situazione della vita quotidiana, il primato di Dio e del suo Regno.

“In questi mesi di isolamento sociale, abbiamo potuto sperimentare l’azione di un Dio presente ed operante in mezzo ai nostri vissuti. Mi ha commosso la fede grande e semplice di molti dei miei fratelli di Comunità che, invece di unirsi alle molte voci di chi si chiede quale sia il ruolo di Dio davanti al male e alla sofferenza, hanno scelto di dare gloria a Dio che diventa presente in ogni gesto di solidarietà, nella preoccupazione per il fratello in solitudine o a rischio di contagio.

In questo modo hanno mostrato un Dio presente, un Dio di speranza, di fronte a tanti messaggi angosciosi e apocalittici, che facevano cadere la gente nello scoraggiamento e nel panico.

Una chiamata telefonica, un gesto, un’attenzione speciale per l’altro, hanno segnato la differenza tra cadere in tristezza, angoscia e depressione, o aprirsi ad un sguardo più sereno.

Siamo stati separati fisicamente, ma ci troviamo più connessi tra noi, e ci domandiamo: che cosa vuoi e speri da noi, Signore, per questa nuova tappa dell’umanità?”

 

Tratto dalla Rivista “Sulla Via della Pace” n° 59

Per ricevere la rivista, contatta i nostri uffici del Centro Internazionale.

A questo link è possibile consultare l’archivio di tutti i numeri precedenti della rivista

Articolo precedente
La lezione della Pandemia
Articolo successivo
Rivista n° 60
Menu