Preghiamo per il Myanmar

L’Associazione Via Pacis guarda con forte preoccupazione all’appena avvenuto colpo di stato militare nel Myanmar.

L’Associazione è presente in Myanmar con un progetto di fondamentale importanza per la vita e l’educazione di ca. 150 bambine e ragazze ospiti presso la “Casa della Pace” di Loikaw – cittadina ai confini con la Thailandia. (vedi progetto)

Condividiamo il messaggio che suor Rosanna Favero, referente dell’Associazione per il sud-est asiatico, ci ha fatto pervenire il primo febbraio:

“Stamattina abbiamo ricevuto la notizia del colpo di stato in Myanmar. I militari hanno ripreso il governo del paese e arrestato Aung San Su Kyi e altri membri del partito democratico che era risultato aver vinto le elezioni dello scorso novembre. Stamattina è stata annunciata la proibizione di spostarsi da una municipalità all’ altra per tutto il mese di febbraio. In Loikaw sono tornati i carri armati, l’ area aeroporto che è anche sede degli uffici governativi é chiusa, hanno chiuso linee telefoniche e internet e le banche sono state chiuse fino a data indefinita. Chiediamo la vostra preghiera per il popolo del Myanmar che da pochi anni era uscito dalla dittatura.”

Articolo precedente
Notizie da Sembè
Articolo successivo
Riepilogo progetti 2020

Blog

Menu