Myanmar: bombardiamo il cielo con le nostre suppliche

La situazione, dopo il colpo di Stato del 1° febbraio sta peggiorando di giorno in giorno ed i militari sono ormai arrivati a Loikaw dove si trova la “Casa della pace”, da noi costruita, che accoglie circa 100 bambine orfane o lasciate in custodia dalle famiglie in difficoltà. Ci scrivono le Ancelle Missionarie del Santissimo Sacramento:

Carissimi,
(…) in questi giorni siamo testimoni della terribile violenza dei soldati, che attaccano, senza pietà, i villaggi, costringendo le famiglie a scappare, a trovare rifugio nelle aree di foresta e nei monti, lasciando, dietro di sé, le loro case, tutte le loro proprietà, la sicurezza.

Quasi tutti i villaggi di Loikaw ora sono in guerra. Dalle 9 del mattino fino all’alba del giorno successivo è proibito uscire di casa: polizia e soldati sparano a chi non rispetta l’ordine.
Come andare a lavorare nei campi? Come provvedere al necessario per vivere?
Sono interrogativi dolorosi di un popolo che anela solo giustizia, democrazia, libertà.
 
Dopo i primi bombardamenti, la gente è accorsa alla Casa della Pace dove hanno iniziato a portare verdura, e altro cibo, da conservare per avere scorte sufficienti per i prossimi giorni… Adesso sono circa 300 coloro che vi sono rifugiati.

 

Mercati e negozi sono chiusi. In alcuni villaggi vicini, i militari hanno tagliato non solo internet, ma anche l’elettricità. Stanno arrivando sempre più vicino alla Casa della Pace di Loikaw, e può accadere il peggio!

I villaggi sono quasi deserti: tutti quelli che potevano scappare se ne sono andati. Anziani, malati e bambini hanno trovato rifugio all’interno delle chiese, mentre gli uomini che possono combattere, restano a proteggere le loro case.

 

La scorsa notte sono state messe delle bandiere bianche sulle finestre della Casa della Pace come segno, per l’esercito, di non sparare o lanciare bombe.

C’è bisogno della preghiera di tutti: dobbiamo “bombardare il cielo” con le nostre suppliche, implorare il Signore di donare protezione, sicurezza, forza e pace.

Certamente stiamo già pregando per questa intenzione, ma chiediamo ad altre persone di unirsi: per favore, condividete questa richiesta ai vostri amici, a quanti possono offrire una preghiera per la pace in Myanmar e per la protezione dei bambini, degli anziani, delle famiglie… Se possibile, chiedete ai sacerdoti di offrire una Santa Messa per questa intenzione.

La preghiera è l’unica arma che abbiamo per fermare questo tremendo male che sta causando morte e sofferenza in Myanmar e in altri luoghi del mondo.

Se vuoi partecipare ad una preghiera di intercessione per il Myanmar, compila il modulo fornendo un account Gmail, riceverai il link per accedere al contenuto.

Articolo precedente
Dalla Georgia: GRAZIE!

Blog

Menu