Congo al tempo del Covid-19

In questo tempo di pandemia, anche il Congo-Brazzaville – dove sorge il Centro Medico intitolato alla memoria di don Domenico Pincelli, cofondatore dell’Associazione Via Pacis – non è rimasto esente dal contagio.

Tra le categorie più colpite ci sono i sacerdoti, che vivono delle offerte dei fedeli. Mons. Yves-Marie Monot, Vescovo della diocesi di Ouesso, ci ha fatto pervenire al riguardo un’accorata richiesta di aiuto.

Con l’offerta inviata verranno celebrate delle Messe: un aiuto che non si ferma, ma che ritorna come cascata d’amore a favore del mondo.

Scrive l’abbé Franck Bango, economo della diocesi congolese:

“Celebreremo le Sante Messe secondo le vostre intenzioni e vi ringraziamo per questo gesto di solidarietà che arriva in un tempo molto difficile, visto che da metà marzo fino a luglio le nostre chiese sono state chiuse. La nostra preghiera vi accompagna ogni giorno”.

Articolo precedente
Inizio dei lavori per la casa di accoglienza
Articolo successivo
Notizie dalla Georgia

Blog

Menu