Racconti dal Winter Camp

Quando Emanuele ed io ci siamo recati a Castelfondo, in Val di Non (Trentino), per la prima volta a visionare
l’ostello, appena entrati nella ampissima sala multifunzionale ci siamo guardati e abbiamo esclamato: «Qui dobbiamo venire a farci il Capodanno con i giovani!». Sono passati tre anni da allora, ma finalmente siamo riusciti nell’intento, grazie alla splendida collaborazione dei numerosi animatori e animatrici, nonché dei sempre fantastici e apprezzatissimi cuochi!

Nelle 48 ore passate assieme si sono alternati giochi, uscite all’aperto, momenti formativi e di preghiera. Per noi organizzatori è stata una gioia immensa vedere come tutti i partecipanti si siano lasciati coinvolgere rispondendo con entusiasmo alle varie proposte e comportandosi in maniera esemplare.

Organizzare una “due giorni” invernale in tempo di Covid non è stato semplice, ed alcuni ci avranno considerati pazzi, ma sentivamo che era la cosa giusta da fare per questi ragazzi e ragazze così desiderosi di fare esperienze significative per la propria vita. Sappiamo infatti quanto sia difficile per tutti questo periodo di limitazioni e isolamento, ma per i più giovani lo è in modo particolare. C’è tanta sete di ricostruire relazioni autentiche in un ambiente in cui sentirsi liberi di essere se stessi, per poter affrontare a viso aperto le grandi sfide che la vita pone innanzi.

Il Winter camp è solo una delle iniziative che Via Pacis propone nell’arco dell’anno ai giovani tra i 14 e 25 anni; un cammino condiviso verso la conoscenza di se stessi, per scoprire il desiderio che Dio ha per ciascuno.

È un progetto in via di sviluppo che sta già dando bellissimi frutti, e il gruppo si allarga ad ogni nuovo
appuntamento.

Per scoprire di più sul progetto visita la sezione “Under 30

Articolo precedente
Via Pacis esperienza di fratelli
Articolo successivo
I Giovani Missionari – COMIGI 2022
Menu